Il segreto per distorcere la percezione della realtà e del tempo nella comunicazione in video

Ognuno di noi per poter dare fiducia agli altri ha bisogno di frequentarli e la fiducia è qualcosa che si costruisce con il tempo e la pazienza. Quindi più tempo abbiamo passato con una determinata persona e più saremo disposti a fidarci di lui, e a comprare da lui. Ma come possiamo conquistare la fiducia del pubblico se vogliamo vendere il nostro prodotto online, attraverso un video di una manciata di minuti? Nell’ambito della comunicazione in video tutto è possibile se sai come farlo. Ci sono tecniche e metodi che ti permettono di alterare la percezione del tuo interlocutore, e la percezione è la sua realtà. Scoprile in questo articolo.

La velocità del video

Il primo aspetto da tenere in considerazione per il successo del tuo video di vendita riguarda la velocità del video, che deve essere percepito dinamico, veloce e divertente. Quindi devi fare di tutto per accorciare la durata del video o perlomeno la percezione di questa durata. Ci sono varie modalità per poter alterare la percezione della durata di un video e voglio elencartele in modo che tu possa applicarti fin da subito e ottenere risultati immediati. Applicando questi metodi, a parità di tempo, ti sembrerà che il video scorre più velocemente e sia più dinamico. L’obiettivo è quello di serve per ridurre gli abbandoni, ovvero la possibilità che l’utente smetta di guardare il tuo video prima che sia finito e quindi prima ancora che tu sia arrivato all’offerta.

La prima tecnica che ti voglio parlare viene chiamata “Jump Cut” e consiste in un montaggio basato su tagli rapidissimi in sequenza, della durata di uno o due secondi, per rendere tutto molto veloce e dinamico. Le ultime ricerche del neuromarketing hanno dimostrato in questa nuova era digitale, l’attenzione di una persona su una determinata cosa ha una durata media di 6 secondi, pertanto la stessa inquadratura sarà sostenibile per 6 secondi, dopo di che va cambiata. Questo lo dimostra anche la televisione, che una volta ci proponeva dei film che sembravano accattivanti e divertenti ma se rivisti al giorno d’oggi e paragonati alle ultime uscite, ci sembrano lenti e noiosi. Il motivo è semplice, il pubblico si è abituato a sempre più frequenti e veloci tagli di immagine che permettono di mantenere alta l’attenzione, e non esistono altre possibilità di creare qualcosa di dinamico e semplice da seguire, se non la frequenza di cambi di inquadratura, anche sullo stesso soggetto.

Per esempio se vuoi fare un video di te stesso che spieghi un concetto, devi registrare un video in cui tu sei ripreso a mezzo busto e alternare riprese centrali e riprese 1/3-2/3 (alla tua destra o alla tua sinistra devono rimanere 2/3 dello schermo) questo per rispettare una sorta di canone aureo che ci vede più belli come percezione da parte del pubblico. Montare il video con questa alternanza di inquadrature rende tutto più veloce, più efficace e più dinamico, creando una sorta di distorsione temporale in cui l’utente percepisce il video piu corto e piacevole. Un’altra tecnica che potresti applicare a seconda del tipo di video che registri, è quella di aggiungere una musica di sottofondo, che aiuta sempre a far sembrare che il video scorra più rapidamente. E la stessa vale per immagini, effetti grafici o scritte che appaiono o scompaiono.

Il cambio di ambiente

Infine ti parlo della tecnica del cambio di ambiente, la cui applicazione ti permette di rendere il video più veloce e creare la percezione nel pubblico che ti conoscano da molto tempo. Devi sapere che il cervello umano percepisce ogni cambio di ambiente, sfondo del video o scena, come una situazione diversa un tempo diverso, un momento diverso. Conseguentemente se racconti qualcosa iniziando in un ambiente e spostandosi in un altro e poi in un altro ancora, le persone avranno la sensazione di conoscerti da tanto tempo pur trattandosi di uno stesso video. Sono state fatte molte ricerche in questo campo e tutte hanno confermato che i video di vendita che hanno ottenuto i migliori risultati sono quelli girati in più ambienti differenti. Ma questo non riguarda soltanto la vendita, riguarda tutti gli ambiti della tua comunicazione in video. Ricapitolando, quando realizzi i tuoi video ricordati di fare continui cambi di inquadratura, di ambiente, di essere dinamico e qualora fosse possibile di aggiungere musiche di sottofondo non troppo alte per rendere tutto un po’ più vivace e soprattutto più scorrevole. La distorsione temporale più potente è quella che si ottiene attraverso i cambi di ambiente, ovvero attraverso un viaggio: parti in un posto, ti sposti in un altro, poi magari sali su una macchina, o un’altra, poi prendi un aereo o un treno dando così la sensazione di fare un vero e proprio viaggio e di arrivare in un preciso luogo, che metaforicamente è il luogo in cui vuoi portare il tuo cliente, ossia verso la realizzazione dell’acquisto.

Presenza del pubblico

Altro fondamentale aspetto da tenere in considerazione è che oggi, la maggior parte delle persone che realizzano dei video da condividere online lo fa autocelebrandosi. Parlando da soli alla videocamera e fondamentalmente questo li fa sembrare innaturali e come ti ho già spiegato l’innaturalezza è il peggior nemico della comunicazione e della vendita. Ritengo che ci sia una importante considerazione da fare rispetto a quanto detto finora: maggiore è il coinvolgimento di altre persone nei tuoi video e maggiore è l’interesse che questi video avranno verso il pubblico. Ne è prova il fatto che molti canali YouTube di successo contengono anche delle interviste o perlomeno degli scambi di interviste tra un proprietario di un canale ed un altro, e questa interazione genera sempre molti più risultati in termini di interazioni (commenti e condivisioni) e visualizzazioni. Ciò si spiega analizzando il contesto in cui si svolge la vita reale, che è costituita dall’incontro e l’interazione con altre persone.

Pensaci, la maggior parte delle stesse appena se ne presenta l’occasione esce di casa e incontra amici, parenti, conoscenti e tutti comunicano tra di loro. Questo significa che, affinché un video abbia successo, dovrebbe prevedere le stesse esatte dinamiche. Per cui è molto importante che ci sia un pubblico presente e soprattutto che ci sia spontaneità da parte di questo pubblico. Tutto deve sembrare il più reale possibile. Spesso infatti quando intervisti qualcuno, risulterà impacciato davanti alla telecamera e chiaramente non puoi permetterti che questo accada. L’unico modo per ottenere un risultato interessante anche senza esperienza e in poco tempo è quello di comunicare all’intervistato che si faranno molti video di prova prima di fare la registrazione definitiva e quindi possono stare tranquilli. Dopodiché devono semplicemente rispondere alle domande guardando te che tieni la videocamera mentre rispondono. In questo modo riesci ad ottenere un buon livello di spontaneità e riesci a ridurre l’intensità della paura, tipica delle persone che non hanno esperienza davanti alla telecamera. Un altro consiglio che ti voglio dare per realizzare video di successo è quello di registrare un tuo evento dal vivo e poi tagliare delle parti da condividere on-line oppure ancora puoi riprendere il tuo pubblico che ti guarda, inquadrato dalla schiena in maniera che non sia riconoscibile (per non violare le norme sulla privacy). In ogni caso l’obiettivo è sempre quello di riuscire a comunicare in maniera efficace e per riuscirci dobbiamo creare situazioni il più realistiche possibile, sia con il pubblico presente sia con quello che io definisco il realismo scenico.
Se sei interessato a registrare i tuoi video per vendere i tuoi prodotti o servizi, clicca qui e comincia subito leggendo il manuale “101 SEGRETI PER CONVINCERE”.

Il realismo scenico

Che cos’è il realismo scenico, ti starai chiedendo? Molto semplicemente rappresenta una scena reale della tua vita: una situazione il più possibile apparentemente improvvisata e reale. Ti faccio un pratico esempio per meglio comprendere questo interessante concetto: se registro un video in casa mia e nello sfondo si vede un ambiente dove regna un ordine maniacale, a livello subconscio l’utente che guarda il video potrebbe mettere in discussione la credibilità del tuo messaggio. Dettagli come una tazza di tè su una scrivania e qualche appunto sparso il giro o addirittura il gatto che salta sul divano potrebbero renderti più simpatico e soprattutto dare quella caratteristica di autenticità e unicità al video che stai realizzando.

Infine voglio portarti a considerare che l’era in cui viviamo è caratterizzata dal video in diretta, e questo è un altro suggerimento per creare dei video interessanti. Le dirette creano una forte correlazione con il pubblico ma chiaramente devono essere il più spontanee possibile. Quando parlo del pubblico presente intendo la tua relazione con le altre persone riprese. Per esempio potrebbero essere video testimonial del tuo prodotto o servizio, ovvero una sorta di recensione attraverso una storia per rendere tutto più interessante e più facile da seguire. Per quarto riguarda il realismo scenico, ricorda che esso non consiste nel fare riprese brutte, ma riprese al meglio delle tue possibilità seppur in cotesti normali e naturali senza essere maniaci dell’ordine.

Se hai trovato questo articolo interessante e vuoi approfondire questi temi e molti altri, vai qui e scopri i 101 segreti per convincere.

Aiuta altre persone a usufruire del valore di questo articolo condividendolo sui social. Inoltre puoi commentarlo o farmi una domanda qui sotto, rispondo personalmente ad ogni commento.